martedì 3 aprile 2007

la carica dei 300+1

Ancora su Miller. ;) Per chi non l'avesse ricevuta/letta, nella sua rubrica via email [BAD SIGNAL] del 2 Aprile il buon Warren Ellis scrive: "Haven't seen 300 because I didn't like the graphic novel. I was, however, prompted to read the GN again to remind myself why I didn't like it. It's basically a juvenile work, the pages recalling one of the bad X-Men office artists I worked with -- big pictures for the "cool" stuff, with all the dialogue panels reduced to postage stamps. The storytelling, unusually for Miller, is misshapen and lumpy. It doesn't flow." ;)

L'amico Sergio Ponchione invece posta un breve elogio dal titolo M for Miller. Concedendosi però l'appunto: "[300:] bello, anche se gli attori, specie Leonida, soffrono di una certa tamarraggine recitativa." ;)

Sull'interessante blog di Flaviano Armentaro, trovate tra tanti bei materiali un paio di versioni cartoon ispirate al film: QUI e QUA. Enjoy!

Su LSB, segnalo un'interessante analisi, firmata Luca Angelo Spallone, dal titolo I linguaggi e Frank Miller.

Chiudo riportando l'sms ricevuto da un noto sceneggiatore italiano di cui non rivelo il nome: "Visto 300: mi ha fatto schifo." Come direbbero i latini: de gustibus non disputandum est.

Ah, ri-chiudo invitandovi a visitare questo sito da cui è tratta la foto sopra. ;)

10 commenti:

Fabrizio ha detto...

Brush your teeth!!!
Geniale :D

tostoini ha detto...

io l'unica lezione che ho imparato é: non fare commenti su 300 con persone che amano miller più della mamma...ho rischiato il processo sommario più volte sti giorni.

(con tutto che come film solletica il mio lato profondamente truzzo :)) )

smoky man ha detto...

@Fabrizio
;)

@Tostoini
Ci sono certi "fanatici" in giro cara ;) se avessi avuto al tuo fianco Spartan Smoky (pensa al simbolo sul costume...brrrrr.... ;))

fumosi smok a tutti!

Paolo ha detto...

Mi dispiace tornare a 'rompere'... ma essendo stati chiamati in causa quelli che amano Miller più della mamma DEVO intervenire, anche a sproposito! ;-)
Adoro Ellis: il suo Transmetropolitan, a mio parere enormemente sottovalutato anche nei confronti di altre vertiginose serie classiche (che non citerò per non scatenare altre flames), e’ un capolavoro! Purtroppo buona parte della sua rimanente produzione (escludendo Planetary (anche se estenuante), Authority l’inizio, e poca altra roba) non mi sembra allo stesso livello (e sono buono solo perché ho veramente amato Spider Jerusalem); quindi prima di definire un opera come 300 “juvenile work” (sic!) ci penserei non 10 ma 1000 volte!
Per quanto riguarda il noto sceneggiatore italiano spero non sia uno scrittore di fiction televisiva, di cine-pandori o similia!
Smoky convengo con te sul “de gustibus non disputandum est” ma penso anche che tutto questo astio verso il Grande Frank derivi dal fastidio di aver visto esposte al pubblico ‘incolto’ (leggi non fumettaro) opere che si ritenevano appannaggio del solo universo fumettistico e del suo ristretto e geloso fandom (stesso discorso per il piu’ riuscito Sin City).
Scusa per la prolissità e farraginosità ma, la mamm… ops Frank NON me lo dovete proprio toccare!

smoky man ha detto...

Ciao Paolo, bentornato! E grazie per l'intervento preciso e anche ironico. Mi piace! Si può discutere in tranquillità del nostro medium preferito senza tirarci addosso carciofi o peggio ;) Che poi Miller è un po'... ehmmm, il "papà" di tutti noi, no?
Qualche annotazione in ordine sparso. Di certo 300 non è un “juvenile work” di Miller (è uscito nel 1998!). Si discute del film in particolar modo che pur nella sua maestosità visiva, innegabile, tende a "veicolare" dei messaggi molto manichei. Molto più del fumetto. Che permette di "leggere" la pagina con maggior possibilità di comprensione e riflessione. E di ammirarne la maestria del disegno, di una sfumatura, di una posa... nel film si è prigionieri del ritmo. Secondo me 300 sia il fumetto che il film è un "western" vecchio stile (bianchi-buoni vs indiani-cattivi-cattivissimi), l'inevitabile visione "americana" di un bimbo stregato da bimbo (Miller) dalla visione di un film su 300. Ribadisco che le ultime cose di Miller a fumetti sono poca cosa. E da uno come lui si aspetta sempre qualcosa in +. Ora si darà di nuovo al cinema (Sin City e Spirit) che credo monetariamente renda assai di +.
Su Ellis il discorso è complesso. Io lo trovo un autore "divertente", alcune cose sono intriganti ma specie quando vuole varci bere le sue pose e la sua "de-compressione" rischia d'essere irritante, no?
Personalmente il suo ciclo sci-fi di Authority, per dire, lo trovo superiore alla run politica di Millar.

forse ho parlato troppo ;)
fumosità a te!

Anonimo ha detto...

Il "noto sceneggiatore italiano", se è quello che penso io, ha argomentato abbondantemente il suo sintetico SMS:
vedi www.michelemedda.com

Harvey Dent

Paolo ha detto...

Ciao Smoky! Innanzitutto ti ringrazio per avermi ospitato un’altra volta sul tuo bellissimo blog: anche io amo le discussioni argomentate e senza insulti (benevoli sfottò invece sono, a mio parere, sacrosanti per stemperare gli animi :-) ). Per quanto riguarda il tuo parere su Ellis concordo a pieno (Transmetropolitan, Planetari, Authority – stop, ultimamente di suo ho acquistato e letto Global Frequency – non c’è UNA trovata che non sappia di già visto!  )
Ho letto il commento del ‘noto sceneggiatore’ (preso dalla ‘passione’ ho pensato ti riferissi ad uno sceneggiatore di fiction e ho sparato una sfilza di ca**ate qualunquiste… :-| )e, sperando di non aver preso un’altra cantonata ;-) , devo dire che MM argomenta bene la sua opinione (con cui non concordo…); a mio parere non si può tacciare Miller di razzismo e/o tendenze fasciste, si legga, ad esempio, il suo dialogo con l’immenso Einsner (che adoro as well per motivi forse opposti) nel magnifico EISNER/MILLER - Conversazione sul Fumetto; in tale opera (forse la sua recente più bella ;-) ) si capisce come L’Autore sappia distinguere tra realtà e finzione ma preferisca consapevolmente la seconda (anche il batman del TDKR non è esattamente un liberal ;-) ) per fini spettacolar/provocatori (ci sono poi i discorsi sul formato, il segno and so on che sembrano secondari ma non lo sono).
Papà si riprenderà spero al più presto, per il momento lasciamo che tiri su qualche soldino 
Scusami Smoky per la prolissità VERAMENTE esagerata… comunque “tutti questi momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia” - tanto per essere originali LOL

DIFFORME ha detto...

trovate interassnti riflessioni anche sul blog di alberto corradi e una controcover di 300 sul mio....
G.

flaviano ha detto...

hei, grazie mille per la segnalazione ed il link. sono onorato! e sono contento che ti siano piaciuti. grazie ancora.

smoky man ha detto...

@Paolo
torna pure a trvoarci!

@Difforme
carissimo Giorgio ho segnalato tutto, thanks!

@Harvey Dent
Segnalato!

@Flaviano
L'onore è il mio! Mi piace molto il tuo segno. Congrats man!