martedì 4 dicembre 2012

Lady Vertigo lascia!

Death: The High Cost of Living #1, 1993. Copertina di Dave McKean.
Dopotutto i segnali erano, oramai, chiari ed evidenti da diverso tempo, ma la notizia ufficiale, diffusa ieri, colpisce ugualmente con la stessa forza e gli stessi effetti di un diretto piazzato in pieno volto da un Tyson dei tempi belli. 

KAREN BERGER, il "motore" e la vera forza propulsiva della Vertigo, di fatto L'Editor per antonomasia dei comics americani degli ultimi due decenni, lascia la linea di fumetti che ha contribuito, in modo fondamentale, a creare, e.. la DC Comics (dopo oltre trent'anni)!

Mi sono sentita incredibilmente fiera per aver messo a disposizione una casa in cui scrittori e artisti potessero creare storie innovative e provocatorie capaci di ampliare le possibilità dei comics e di attrarre nuovi lettori al racconto per immagini", ha dichiarato la Berger. "Voglio  ringraziare tutti gli autori di eccezionale talento che mi hanno aiutato a rendere la Vertigo un'etichetta coraggiosa e riconoscibile e sono grata verso tutte le persone della DC Entertainment e verso la comunità dei retailer per il loro supporto e dedizione in favore della Vertigo in tutti questi anni. E' stato davvero un grande onore.” [Karen Berger]

Ho avuto la fortuna d'incontrare e di chiacchierare brevemente con Karen Berger durante l'edizione del Napoli Comicon del 2006 (dedicata al Fumetto Inglese e Tedesco), a cui partecipò tra gli ospiti. Probabilmente la incontrai anche in qualche precedente edizione della Bristol Comics Expo, ma il ricordo principale che ho di lei è di una persona gentile che "irradiava" una fortissima personalità, capace di meritarsi, con il suo lavoro e acume, la stima e il rispetto degli autori con cui collaborava e che spesso lei stessa aveva portato alla ribalta.

Riporto, a seguire, due commenti di Stephen R. Bissette e Peter Hogan.
"L'ultimo mattone rimasto è caduto dal muro: la fine della 'Paul Levitz Dynasty' è davvero arrivata. Karen è stata tra i quattro migliori editor con cui abbia avuto l'incredibile fortuna di lavorare, e questo è tutto quello che ora mi preme dire. E' una brutta notizia e un altro segno che (come per la Marvel) la DC Comics che, un tempo, la mia generazione ha conosciuto semplicemente non esiste più." [Stephen R. Bissette]

"Complimenti a Karen Berger che ha resistito ad un intero catalogo di umiliazioni ma ora lascia con la sua dignità intatta, il rispetto dell'intera industria dei comics e (spero) una valigia bella piena di soldi. Speriamo intenda ancora aprire bottega da qualche altra parte." [Peter Hogan]

Altri commenti si possono leggere su Bleeding Cool e Newsarama.

"Storie innovative e provocatorie."
Finisce un'era.
Hurm...
Enigma #1, 1993. Copertina di Duncan Fegredo.

5 commenti:

Massimo ha detto...

immensa tristezza...

Fabrizio Spinelli ha detto...

Di Enigma ho la mini completa sia in originale che la versione terribile pubblicata da comic art... :)

smoky man ha detto...

@Massimo
E sì. Vediamo che succede. Ma diciamo che i "segni" sono piuttosto chiari.

@Fabrizio
Gran serie Enigma!

Fabrizio Spinelli ha detto...

Vero... fortunatamente sottovalutata, nel paese che ospita il vaticano :)

Joachim ha detto...

no words for explane...