martedì 31 luglio 2012

prima d'andare in ferie (forse per sempre...)

Kazimir Severinovič Malevič. Quadrato bianco su fondo bianco (1918).

MANIFESTO DELLA CRITICA FUMETTISTICA OMEOPATICA

1. LA PROFONDITÀ, LA DENSITÀ, LA STRUTTURA NON CONTANO.

2. TUTTO È IN SUPERFICIE.

3. GIOCA LE CARTE DEL POST-MODERNO.

4. SII CRIPTICO PER ESSER CHIARO.

5. MISCHIA LE VIGNETTE IN UN GIOCO DADAISTA.

6. IL FUMETTO È MORTO.

7. GLORIA AL FUMETTO TUTTO DI TAVOLE BIANCHE.

8. NON SAPERE CHI È ALAN MOORE* È COSA BUONA E GIUSTA.
* Inserire qui nome di GAS (Grande Autore Seminale) a piacere.

9. LEGGI FUMETTI SOLO AL CESSO. LÌ LA COMPRENSIONE È MASSIMA.

10. LA CRITICA NON S'IMPARA. È INNATA. OMEOPATICAMENTE.

***** 

Manifesto buttato giù, di getto, la mattina, al risveglio. "Il mattino ha l'oro in bocca".
La notte precedente era stata alimentata dalla lettura in sequenza di John Doe N. 22 (testi: Roberto Recchioni; disegni: Luca Genovese & AAVV) e Dylan Dog N. 311, "Il Giudizio del Corvo" (testi: Roberto Recchioni; disegni: Daniele Caluri).

Questo Manifesto è puramente... omeopatico. 

Qualsiasi riferimento a fatti, personaggi, autori, teorie, paranoie, fumetti belli e fumetti brutti è puramente casuale. Meglio, omeopaticamente casuale.

Buone fumose vacanze a tutti. 
Ci si rivede. Forse. (?)
René Magritte. Questa non è una pipa (1948).

5 commenti:

illustrAutori ha detto...

ah ah, smoky allora bèccati quest'altro Magritte http://byroneloisa.blogspot.it/2012/07/john-doe-22-ovvero-la-fine-giustifica-i.html

MicGin ha detto...

dopo un po' passa la voglia di fare il blog...

smoky man ha detto...

@illustAutori
Magritte non è mai abbastanza. LOL!

@MicGin
Hai ragione. Pensa che questo mese questo blog ha compiuto... 6 anni! Roba da non credere... mi sa, mi sa che...

Guglielmo Nigro ha detto...

ahahah!!! smokEy, non mollare!!!
non TU!
:)

g-

Guglielmo Nigro ha detto...

e a proposito dell'ultimo jd, pensavo che la miglior recensione per quel numero sarebbe semplicemente pubblicare quelle tavole bianche vuote. che ne pensi?
anche se, un plauso per la coerenza narrativa ci va.

e dyd? dyd è questo: una caricatura. un giochino da smontare e rimontare. e a ogni nuovo passaggio, si perdono pezzi. "eh, che cazzo è questo?! ah, vabbé non serve a nulla. via!"
:)

g-