domenica 20 novembre 2011

Il Fumetto non se lo caga nessuno

Qualche tempo fa avevo letto su Lo Spazio Bianco un'intervista a Giacomo Monti, l'autore di quel Nessuno mi farà del male da cui Gipi ha tratto il tanto atteso e discusso film L'ultimo terrestre
Lo dico subito, così sgombriamo immediatamente il campo, preferisco il Gipi fumettista. Adoooro il Gipi fumettista! Che poi il suo lungometraggio è un'opera prima e non tutti possono iniziare con Quarto Potere, no? E chiudiamo qui il discorso.
Tornando a Monti, su LSB alla domanda riguardo suoi nuovi lavori rispondeva in modo "evasivo" e incalzato da un "Solo una questione di tempo…?" replicava con "Non solo. Ho bisogno di cambiare: l’idea di mettermi al tavolo da disegno mi fa venire il vomito ora. Ho bisogno di muovermi, andare in giro, parlare con persone, vedere posti." Chiaro, diretto e un po'... nichilista.
I fumetti di Monti, una manciata di storie brevi apparse a partire dal 2004 sopratutto sulla rivista Canicola, del cui omonimo collettivo è tra i co-fondatori, sono opere non facili, dal segno a tratti ostile (qualche superficiale li incasellerebbe nella categoria dei "fumetti disegnati male") che affrontano spesso le miserie di un'umanità priva di slanci e di possibilità di riscatto. Lavori che, confesso, ho fatto personalmente fatica a... digerire, pur sentendo verso la pagina disegnata da Monti una sorta di morbosa attrazione/repulsione.
Una voce sicuramente anomala nel panorama fumettistico Italiano, al contempo nuova e però affermata se si guarda all'adattamento cinematografico operato da Gipi.
Per questo un po' mi aspettavo il suo intervento, il 30 Ottobre scorso, durante il Comics Talks VI: Sessione 3 presso Palazzo Ducale, moderato da Matteo Stefanelli con la partecipazione oltre che di Monti, di autori del calibro di Baru, David Lloyd, Craig Thompson, Jiro Taniguchi e Jeff Smith.

Stefanelli parte ponendo a tutti gli ospiti la prima "classica" domanda: Why comics? Perché fai fumetto? Il primo a rispondere è Lloyd.
Specificatamente a Monti, Stefanelli riformula lievemente la domanda, dopo un cappello introduttivo con rimando all’uscita del film di Gipi. Ne riporto nel seguito, come utile documento, la trascrizione, la più fedele possibile, tratta dal video che ho fatto dell'evento.
Stefanelli: Allora anche a Giacomo volevo fare questa prima domanda… come lui è arrivato a fare i suoi primi racconti a fumetti…
Monti: Vabbè, ho cominciato un po’ per caso. Ho sempre letto poco Fumetto, non leggo Fumetto, non mi interessa neanche più di tanto. Ho incominciato a interessarmi quando ho cominciato a disegnare. Proprio perché… visto che io sono l’unico italiano e penso che la situazione sia un po’ diversa negli altri Paesi e gli altri autori abbiano dei percorsi diversi. Io credo che forse varrebbe la pena di chiedersi perché un autore in Italia non può campare facendo questo lavoro. [applausi dal pubblico]
Io credo che degli autori italiani un dieci per cento, forse, campa, e non credo neanche alla stragrande, facendo questo lavoro. Gli altri lo fanno bene o male perché hanno i genitori che magari li sostengono oppure lo prendono a livello di mezzo hobby… Ed è così. Io poi ovviamente ho smesso, perché non c’è possibilità di portare avanti un progetto del genere. Ed è ovvio che magari mi piacerebbe andare avanti, perché tutto sommato è una cosa che mi riesce bene e c’è quel famoso detto “se uno ha un talento, non dovrebbe sprecarlo”.
Ma poi alla fine parlano i numeri, e la realtà italiana è questa, una realtà molto triste. Nel senso che il Fumetto non se lo caga nessuno. [risate dal pubblico]
Non è solo quello il problema… mi rendo conto che anche la gente che legge Fumetto, secondo me, legge per la maggior parte stronzate… e quel poco di buono che c’è, passa inosservato. Non c’è nessuna forma di sostegno, non so… neanche da parte di Enti culturali o meno per delle iniziative interessanti, dal punto di vista culturale.
Così insomma… io smetto. E comunque non capisco molte cose. Certe cose non le ho vissute direttamente ma le ho sentite tramite persone o da operatori che lavorano seriamente nel settore.
Però la realtà è veramente triste, tristissima.
Il panorama culturale italiano è pietoso.
Ma non lo dico io perché ho del risentimento, perché mi tocca smettere.
Insomma… questo è quello che penso. [applausi dal pubblico] 
-----
Addendum: Su Conversazioni sul Fumetto potete leggere un post che include i video della conferenza.

13 commenti:

GiovanniMarchese ha detto...

Ciao smokyman, probabilmente ti ricorderai di me, ci siamo conosciuti a Lucca qualche anno fa. Ad ogni modo, sul mio blog ho ripreso anch'io le parole di Monti aggiungendo anche una parte del video che hai girato tu che sta su YouTube. La questione è molto stimolante. Merita attenzione.

sTUDIOpAZZIA ha detto...

E' ammirevole la sua schiettezza.
Ora, io non c'ero, ma ho l'impressione che il pubblico, e per "pubblico" intendo anche chi legge queste sue righe, e quindi inserisco anche me, dicevo che il pubblico dovrebbe ridere e applaudire di meno e rifletterci su.
è proprio triste quel che dice essendo, per quel che vedo io, così vero.
tant'è io stesso mi chiedo, ma perchè continuo a VOLER prendere questa merda.

sp

smoky man ha detto...

@Giovanni
Grazie della visita... Ehmmm, mi scuserai ma non mi ricordo di te! :) Ah, la vecchiaia. Cmq, grazie della segnalazione e del tuo post.
Sì la questione merita approfondimenti anche se molto ci sarebbe da discutere su modi, tempi e opportunità.

@sTUDIOpAZZIA
Monti schietto è schietto, ma ci sarebbero dei ma... Ovvio occorre riflettere alla luce della situazione generale del paese, della situazione paradossale del mondo dell'editoria e anche... considerando ad esempio l'esperienza di altri.
Ad esempio Taniguchi parlava del fatto che quando lui ha iniziato, certo 30 anni fa, ha dovuto fare 80-100 pagine al mese PER UN ANNO prima di essere accettato come professionista. E Craig Thompson, per dire ha disegnato Blankets dedicandoci anni, ne sono abbastanza certo, senza avere un contratto con un editore e credo lavorando da qualche altra parte...
Ovviamente lo "sfogo", un po "nichilista" di Monti meriterebbe attenzione e un dibattito ampio, senza arriva a citare il fatto che Van Gogh in vita non vedette praticamente mai un quadro... eppure continuò a farli. Ecco la cosa che mi ha colpito di Monti è stata, "smetto di fare fumetto"... ho letto altri materiali in questi giorni che potrebbero essere "usati" come l'altra faccia della medaglia... C u alligators!

Valentino Sergi ha detto...

Sottolineo due passaggi secondo me fondamentali e collegati tra loro:

"Vabbè, ho cominciato un po’ per caso. Ho sempre letto poco Fumetto, non leggo Fumetto, non mi interessa neanche più di tanto."

"Ma poi alla fine parlano i numeri, e la realtà italiana è questa, una realtà molto triste. Nel senso che il Fumetto non se lo caga nessuno."

Ognuno tragga le sue conclusioni.

smoky man ha detto...

@Valentino.
Concordo.

The Passenger ha detto...

mi fa scompisciare dal ridere!!!uhuhuh!

smoky man ha detto...

@The Passenger
Tu l'hai detto! :)

GiovanniMarchese ha detto...

@ smokyman: eravamo allo stand Kappa ad ammirare Bacilieri che illustrava dediche, ma tranquillo, fa niente! Ci beccheremo alla prossima occasione di presenza :)
@ tutti: forse vi interesserà sapere che sul mio blog nerdelite c'è un intervento di un disegnatore che offre una riflessione alternativa sulle parole di Monti.

Mirko ha detto...

la mia domanda per Monti è : "i tuoi fumetti sono stronzate? Come fai a rispondere se non hai cultura del fumetto? Lo sai che la gente che va al cinema per la maggior parte guarda Stronzate? E quelli che leggono narrativa? Lo sai che per la maggior parte leggono stronzate? E lo sai che anche gli appassionati di musica per la maggior parte ascoltano grandissime stronzate? "

smoky man ha detto...

@Mirko
Grazie della visita. E complimenti per Verticalismi. :)
Che direi? Trovo le tue domande assolutamente... legittime, direi. E viscerali... ecco.

Mirko ha detto...

grazie per i complimenti, arrosisco.

Matteo Tarquini ha detto...

Segnalo che la discussione è partita qui: http://www.mangaforever.net/46173/6-buone-ragioni-fare-fumetti-david-lloyd-jiro-taniguchi-jeff-smith-baru-craigh-thompson-giacomo-monti#
e che vi trovate anche commenti dello stesso Monti.

smoky man ha detto...

@Matteo
Sì la discussione credo sia partita inizialmente da lì. Poi i video che ho fatto io a Lucca sono stati postati da Conversazioni sul Fumetto, e poi ci sono state varie reazioni in giro (ad. esempio Cajelli...)... Insomma, se ne parla. :)
Ah, ovviamente grazie della visita...